• Food

    Life

    style&beauty

    Travel

  • APRILE DOLCE DORMIRE CON ERBE DELLA NOTTE ESI

    Aprile dolce dormire . Dice così il detto, vero? Dolce dormire, oppure no. Per me questo mese è stato pieno di impegni : appuntamenti, ...
  • Il profumiere che amava le rose: Lancome spring collection 2017

    Si chiama Absolutely Rose la collezione lanciata per  Lancôme  per la primavera 2017 e adesso vi spiego perchè. Era il 1935 il profumiere A...
  • MDW: color meets home decor con Save My Bag e Nespresso

    O le ami o le odi. Sto parlando di Save My Bag , la famosa linea di borse 100% Made in Italy  realizzata in poly-fabric con Lycra , un mater...
  • Panini dolci al latte, uvetta e Mielbio all'eucalipto

    La ricetta del lunedì questa settimana arriva un po' in ritardo; la Pasqua e la consueta grigliata di Pasquatta con gli amici mi hanno u...
  • Quando l'arte di Basquiat incontra il beauty

    Continua la lunga carrellata di tutte le novità che ci aspettano in profumeria in questo periodo. Oggi parliamo di Urban Decay e di una col...
  • Torta Pasqualina e il pic-nic di Pasquetta

    Non so voi ma da me è tradizione passare la Pasquetta con gli amici , al parco, tra grigliata e uova di cioccolata, tra giochi in scatola e ...
  • MDW: l'eleganza contemporanea di Have a Good Tie

    Si chiama Have a Good Tie  ed è una start up nata dall’incontro di quattro professionisti del mondo del design e della finanza: Alessand...
  • MDW: apre a Milano il primo children innovation lab sull'arte

    Si chiama Baby Caring Mantegazza ed è il primo   children innovation lab dedicato all'arte . Io, si sa, non ho figli ma non per questo...

APRILE DOLCE DORMIRE CON ERBE DELLA NOTTE ESI

Posted on aprile 28, 2017

Aprile dolce dormire. Dice così il detto, vero? Dolce dormire, oppure no.

Per me questo mese è stato pieno di impegni: appuntamenti, nuovi progetti, vecchi clienti, post da scrivere e programmare, lezioni universitarie da preparare, treni da prendere alle 6.30 del mattino, eventi a cui partecipare (perché ricordiamoci che da sempre Aprile è il mese della Milano Design Week) e per chiudere in bellezza due giorni fa è stato anche il mio 34esimo compleanno, festeggiato come vuole ormai la tradizione in volo. Si avete letto bene, in volo; chi mi segue anche su Instagram avrà visto che sono stata a Lisbona; ma questa è un’altra storia.

Fate presto a dire: “con questa vita frenetica e tutte queste cose da fare arriverai alla sera così stanca che crollerai come una pera cotta sul divano!”. Sbagliato; a me un’agenda fitta di impegni mi mette ansia e di notte invece di dormire faccio mente locale sulle cose che ho fatto e che ancora devo fare, penso alle scadenze e al tempo che mi manca per far tutto come vorrei. 

Di notte penso, faccio liste e mi giro nel letto, mi alzo a bere un bicchiere d’acqua e mi rigiro nel letto. Conclusione sono le 4 del mattino e non ho ancora chiuso occhio così l’ansia aumenta perché devo dormire per affrontare al meglio la una nuova giornata lavorativa.

In questi casi i “consigli della nonna” sono sempre ben accetti: latte caldo e miele prima di andare a dormire, un bagno profumato e rilassante, la temperatura della stanza che non deve essere troppo elevata, un pigiama comodo, respiri profondi e… Erbe della Notte di ESI, un aiuto tutto naturale per dormire bene e combattere i disturbi del sonno.


Per ritrovare un buon sonno naturale e il giusto rilassamento, ESI propone naturcaps, gocce analcoliche (adatte anche ai bambini) e tisane alle erbe; io ho provato le capsule e le gocce e già dalla prima notte i benefici si sono fatti sentire.

Le capsule Erbe della Notte Activ e le gocce Erbe della Notte sono un integratore alimentare 100% di origine naturale, a base di estratti vegetali titolati di Passiflora, Valeriana, Escolzia, Biancospino, Camomilla e Tiglio. Biancospino e Passiflora sono utili per favorire il rilassamento ed il benessere mentale; Escolzia, Valeriana e Passiflora sono invece utili in caso di stress, per favorire il rilassamento ed il sonno.



Proprio quello che serve a me, che non soffro d’insonnia, ma ho semplicemente bisogno di un piccolo aiuto tutto naturale per rilassarmi e dormire serena quando lo stress in alcuni mesi dell’anno si fa particolarmente sentire. Bastano due capsule o nel caso delle gocce 3 pipette (circa 2 ml) diluite in poca acqua, la sera prima di coricarsi per tornare a dire: Aprile dolce dormire.


PH Love.Life.Lunch. 2017 tutti i diritti riservati

Post in collaborazione con ESI tramite invio di prodotti

Il profumiere che amava le rose: Lancome spring collection 2017

Posted on aprile 22, 2017

Si chiama Absolutely Rose la collezione lanciata per Lancôme per la primavera 2017 e adesso vi spiego perchè. Era il 1935 il profumiere Armand Petitjean decide di fondare un’azienda di cosmetici; visto il suo forte amore per le rose si ricordò di un luogo a lui molto caro, il Château de Lanscome, un castello ormai in rovina circondato da magnifici roseti. Decise di trovare un nome che tutti potessero pronunciare e da qui nacque Lancôme, che ha come simbolo la rosa perché secondo il maestro Petitjean: “solo la rosa con i suoi tanti petali può simboleggiare tutte le diverse sfumature di femminilità”.


Lisa Eldridge, Official Global Creative Make-up Director dal 2015, decide quindi di riprendere la rosa come motivo centrale della collezione Absolutely Rose per la primavera. La collezione in limited edition comprende:

PARISIAN LIPS LE STYLO

La tecnologia cushion applicata ad una matita labbra duo rende PARISIAN LIPS LE STYLO lo strumento perfetto per creare un effetto sfumato sulle labbra. Ad una estremità la texture cremosa e idratante dona alle labbra un colore delicato e una naturale radiosità, mentre dall’altra l'applicatore cushion è in grado di dosare la giusta quantità di pigmenti semi-mat a ogni pressione per creare un effetto ombré.

La collezione comprende 4 colori: 01 BONJOUR BONHEUR, 02 ROSE MON AMOUR, 03 JE M’APPELLE ROSE e 04 RENDEZ VOUS À PARIS (dal rosa, fucsia al corallo).

Consigli: Applica per prima la texture semi-mat al centro delle labbra. Applica in seguito la tinta balsamica sul resto delle labbra per ottenere l'effetto naturale “labbra sfumate alla francese”.

LE CRAYON MIRACLE

Facile da applicare sia come liner che all’interno delle palpebre grazie alla texture morbida e vellutata. La sua formula è infusa con un concentrato di burri di origine vegetale. Tonalità chiara/bianca con finish luminoso, ottima da applicare negli angoli o nella rima interna dell’occhio per aprire lo sguardo e per illuminarlo.


LA PALETTE LA RÔSE

Questa palette racchiude tutto quello che serve per creare un look primavera su misura perchè contiene 6 ombretti che vanno dalle tonalità naturali (beige, taupe e marrone) ai colori pastello (rosa e verde menta) pop, freschi e delicati; ci sono inoltre 2 rossetti (rosso e fucsia) luminosi per un finish vellutato e una base rossetto caratterizzata da una texture ultra brillante. Questo trio, che è separato dagli ombretti da uno “sportellino” serve per creare una maggiore varietà di look: labbra sfumate, finish brillante o effetto mat.

La confezione è rosa, nello specchietto c’è uno schema occhi-labbra con i numeri per applicare al meglio i prodotti e contiene un pennello con due estremità per occhi e per le labbra.

LA ROSE À POUDRER 

È un blush highlighter irridescente. È una rosa in tessuto con incastonato tra i petali una polvere lucente finissima contenuta in uno scrigno ispirato ai boudoirs parigini. Da applicare con il mini parisian kabuki della collezione.

Risultato: bagliore radioso, look rosato e finish vellutato e luminoso. Questo prodotto ha fatto molto parlare di se sia per il costo molto elevato (59,50€) sia per la resa, se alcune donne lo adorano altre dicono che si vede poco, troppo delicato quasi invisibile.


CUSHION BLUSH

La collezione comprende 3 cushion blush esaltatori di luce naturale che permettono di creare un look fresco, radioso e luminoso. ROSE LEMONADE è un rosa delicato, SPARKLING FRAMBOISE è un rosa intenso e HIGHLIGHTER è il miglior alleato per lo strobing (tecnica per creare punti luce sul viso. Applicare prodotto su zigomi, arcata sopraccigliare, centro del naso e angolo interno occhio).
È un blush leggero, luminoso ed è facilmente modulabile.

OMBRE HYPNÔSE LE STYLO

È una penna ombretto in crema a lunga tenuta. La collezione comprende 4 varianti: n.20 ROSE LUMIERE è un rosa frizzante ricco di luce, n.21 GRIS RUBAN è un grigio cenere ispirato ai nastri dei soffitti parigini, n.22 OR ROSE è un rosa dorato profondo, caldo ed infine n.23 ROSE PASTEL è un rosa delicato, chiaro con un finish vellutato. Hanno una texture cremosa, ricca di pigmenti saturi e non sbavano.

GRANDIÔSE LINER

È un eye-liner ergonomico ad alta precisione, lunga tenuta e con un finish intenso e ultra mat. Ispirato all’Expertise dei make-up artists, grazie all’inclinazione brevettata dello stelo a 35 gradi nell’esclusivo PIVOT SYSTEM di Lancôme, l’applicatore ergonomico permette un applicazione simmetrica su entrambi gli occhi ed un accesso facilitato alla base delle ciglia per un risultato ultra preciso. Ha una formula a base d’acqua, la punta in feltro ultra sottile per un applicazione intuitiva e precisa. Anti sbavatura, pigmenti intensi, si  asciuga in fretta e si strucca facilmente. Disponibile in MAGENTA e BOISE DE ROSE.

JUICY SHAKER

Sono i famosi gloss trattamento con olio e pigmenti che, una volta ben shakerati, donano idratazione, morbidezza e un tocco di colore. Disponibili nei colori 010 SNOW-TILLY trasparente con glitter, 303 CLOUDY CANDY rosa e 343 TOP GUM rosa pesca.


GRANDIÔSE MASCARA

Per questa collezione, Lancôme ha creato una nuova tonalità esclusiva del suo iconico mascara, ispirato ai toni caldi e luminosi del palissandro. Si chiama BOIS DE ROSE ed è una tonalità di marrone leggermente irridescente e ramata che unita a scintille rosate renderà il look luminoso e giovanile. Questo mascara è veramente ottimo e crea un effetto ciglia a ventaglio.

Federica


PH Immagini web

DISCLAIMER: Questo non è un post sponsorizzato. Tutte le opinioni sono frutto della mia onestà intellettuale e della mia soggettiva esperienza.



MDW: color meets home decor con Save My Bag e Nespresso

Posted on aprile 21, 2017

O le ami o le odi. Sto parlando di Save My Bag, la famosa linea di borse 100% Made in Italy realizzata in poly-fabric con Lycra, un materiale innovativo che ricorda apparentemente il più comune neoprene, ma se ne allontana per la sua straordinaria leggerezza e morbidezza.


Io le amo e amo soprattutto la sua semplicità, le linee pulite e i colori allegri e divertenti di borse e accessori ma c'è una novità che il brand ha presentato durante la passata Milano Design Week in una location dal gusto mediorientale che mi ha subito fatto tornare alla mente il mio viaggio in Marocco: i Poly Carpet.


Dopo l’introduzione dei Poly Pillow, i cuscini multicolor che hanno conquistato per la loro morbidezza ed originalità, Save My Bag fa un passo in più nell'home decor, anzi due (ma il secondo ve lo svelo più tardi) ed entra nelle nostre case con dei veri e propri tappeti, proposti in due misure, che reinterpretano in chiave moderna le più classiche fantasie persiane, esaltate dalle nuances accese e vivaci che contraddistinguono da sempre la gamma dei prodotti Save My Bag. Ancora una volta l’innovativo poly-fabric con Lycra incontra l'universo del lusso, fondendosi in modo sorprendente ed esplosivo. Ma come vi avevo anticipato le novità che mi hanno conquistata durante il Fuori Salone non sono finite. Avete mai pensato che un accessorio così importante per noi donne come la borsa potesse abbinarsi così bene con un altro accessorio, questa volta da cucina, così amato da molte di noi come la macchinetta dell'espresso?

Io no ma Save My Bag e Nespresso ci hanno pensato e da questa accoppiata vincete fatta di colore, capsule e macchine per il caffè delle stesse gradazioni cromatiche delle rinomate borse, è nata un'idea e un'installazione vincete. Quando si dice capacità di abbinare gli accessori giusti in ogni ambito della nostra vita; dal fashion all'home decor il passo è breve!


Anche se la mia cucina è fatta di piccoli dettagli rossi adoro la borsa, e di conseguenza la macchina del caffè, color Patagonia e voi?

PH Love.Life.Lunch. 2017 tutti i diritti riservati

DISCLAIMER: Questo non è un post sponsorizzato. Tutte le opinioni sono frutto della mia onestà intellettuale e della mia soggettiva esperienza.


Panini dolci al latte, uvetta e Mielbio all'eucalipto

Posted on aprile 20, 2017

La ricetta del lunedì questa settimana arriva un po' in ritardo; la Pasqua e la consueta grigliata di Pasquatta con gli amici mi hanno un po' destabilizzata per non parlare del lavoro in arretrato: appuntamenti, press day, comunicati stampa da inviare, post da scrivere e programmare.

Ma per fortuna ho la cucina che mi aiuta a rallentare, mi rilassa e con le sue lente lievitazioni come nel caso dei panini dolci che vi presenterò oggi mi costringe (per fortuna) ad assaporare con lentezza e godere di ogni momento di questa mia grande passione.


Come sapete mi piace utilizzare spesso il lievito madre nelle mie preparazioni e quella di oggi non è da meno. Ho voluto infatti abbinare ad una lievito naturale un grande prodotto altrettanto naturale come il miele Mielbio all'eucalipto di Rigoni di Asiago. L'eucalipto è una una pianta dalle mille proprietà e il miele è perfetto per combattere mal di gola e raffreddore; un cucchiaio sciolto in una tazza di latte caldo la sera prima di andare a dormire è un infallibile rimedio della nonna.



Ingredienti per 8/10 panini dolci

100g di lievito madre
(se non lo avete utilizzate 10g di lievito di birra fresco)
250g di farina manitoba o 0
150ml di latte intero tiepido
30g di burro ammorbidito
2 cucchiai di zucchero di canna
3 cucchiai di miele Mielbio all'eucalipto
30g di uvetta sultanina
un pizzico di sale

Sciogliete il lievito madre (o lievito di birra) nel latte tepido; unire la farina setacciata, lo zucchero e il sale lavorare a mano o con la planetaria finchè l'impasto non comincerà a compattarsi, a questo punto unire il burro ammorbidito, il miele Mielbio all'eucalipto Rigoni di Asiago e l'uvetta che avrete fatto rinvenire prima in acqua calda.

Continuare ad impastare finchè tutti gli ingredienti non saranno completamente amalgamati, a questo punto trasferire in una ciotola coprire con della pellicola trasparente e lasciar lievitare per almeno 10 ore se avete utilizzato il lievito madre, in caso contrario basteranno 3-4 ore a temperatura ambiente.

Quando l'impasto sarà raddoppiato di volume trasferirlo su una spianatoia e staccare dei pezzi all'incirca di 50g l'uno e con le mani formare delle palline mantenendo la chiusura della pallina verso il basso. Disporre i pannini su una teglia rivestita da carta forno con la chiusura verso il basso. Lasciar lievitare per altre 3 ore a temperatura ambiente (1 ora se avete utilizzato il lievito di birra) all'interno del forno spento e chiuso insieme ad un piccolo contenitore d'acqua per non far seccare la superficie.

Quando i panini saranno nuovamente raddoppiati di volume spennellare la superficie con del latte e miele e infornare a 180° per 30 minuti circa o fino a doratura.

PH Love.Life.Lunch. 2017 tutti i diritti riservati

Post in collaborazione con Rigoni di Asiago tramite invio di prodotti







Quando l'arte di Basquiat incontra il beauty

Posted on aprile 13, 2017

Continua la lunga carrellata di tutte le novità che ci aspettano in profumeria in questo periodo. Oggi parliamo di Urban Decay e di una collezione molto particolare realizzata per omaggiare il grande artista newyorkese Jean-Michel Basquiat. 

Basquiat, "artista maledetto" morto a soli 27 anni, è stato uno dei più importanti esponenti del graffitismo americano, riuscendo a portare, insieme a Keith Haring questo movimento dalle strade metropolitane alle gallerie d'arte. 

Basquiat ha iniziato e dipingere dall’età di 4 anni e non si è mai fermato; arrivato agli anni dell’adolescenza i suoi graffiti erano una presenza fissa nel quartiere lower Manhattan. Va via da casa a 17 anni e inizia a vendere cartoline e t-shirt da lui create; a 20 anni le sue opere vengono esposte al pubblico. Pioniere del  neo-impressionismo, acquista fama velocemente nella scena artistica della New York degli anni 80 dove frequenta Andy Warhol, David Bowie e Debbie Harry. Oggi le sue opere sono esposte in tutto il mondo.

Basquiat dipingeva immagini violente, colorate, primitive, teschi vivi ed espressivi; usava il colore in modo forte privilegiando le sovrapposizioni, utilizzando le dita per stenderlo o spruzzandolo con la bomboletta. La sua era una pittura piena di significato in grado di raccontare in modo sincero lenergia urbana e dannata della New York degli anni '80 e le sue radici segnate dalla schiavitù e dalla diaspora.
Così, proprio come Urban Decay, Jean-Michel Basquiat era un outsider che ha sfidato lo status quo usando i colori in modo non convenzionale. Dai suoi graffiti informali, dal modo in cui mixa i colori fino a come fa sentire la sua opinione riguardo gli episodi di ingiustizia sociale, non poteva esserci artista più adatto per rappresentare questa nuova collezione. 

Ogni sfumatura della linea Urban Decay ha un nome associato al mondo dell’artista, alla New York anni Ottanta e all’arte contemporanea, ma scopriamola nel dettaglio:

TENANT EYESHADOW PALETTE

8 colori brillanti: dal rosa tenue, nero, ,verde, azzurro, blu elettrico, viola. Sono molto pigmentati, dal finish mat o metallico o shimmer. La confezione contiene uno specchio generoso e un pennello. Adatto a chi ama osare, sperimentare con il trucco per creare un make-up artistico che non passa inosservato.

GOLD GRIOT EYESHADOW PALETTE
8 nuovi colori naturali, mat e metallici: panna, 5 toni sul marrone, nero e oro. Adatto a creare look sofisticati ed eleganti. La confezione contiene uno specchio e un pennello.

GALLERY BLUSH PALETTE
Composta da 2 blush, un bronzer e un highlighter, sono entrambi molto modulabili e si sfumano molto bene. Queste tre palette appena descritte sono delle vere e proprie opere d’arte, infatti sul retro c’è una fessura per permettere di appenderle al muro come se fossero veri e propri quadri.

LIPSTICK
Un nude dalla tonalità fredda, un arancio bruciato dalla tonalità caldo entrambi con un finish cremoso e infine un rosa con effetto comfort mat.

24/7 GLIDE-ON EYE PENCIL
Post Punk verde/lime flou, Anatomy marrone/terra bruciata opaco e Vivid azzurro cielo mat pensate per chi non ha paura di osare.

La collezione comprende anche 3 comode cosmetic bag raffiguranti e soggetti delle opere di Basquiat. Le trovo molto belle e un valore aggiunto alla collezione.
L'intera collezione Urban Decay per Basquiat sarà disponibile dal 20 Aprile negli USA e in Italia probabilmente tra maggio e giugno sul sito urbandecay.it e in esclusiva da Sephora.

Federica

PH Immagini web
DISCLAIMER: Questo non è un post sponsorizzato. Tutte le opinioni sono frutto della mia onestà intellettuale e della mia soggettiva esperienza






Torta Pasqualina e il pic-nic di Pasquetta

Posted on aprile 10, 2017

Non so voi ma da me è tradizione passare la Pasquetta con gli amici, al parco, tra grigliata e uova di cioccolata, tra giochi in scatola e i primi raggi di sole che abbronzano (tempo permettendo).

A noi però non ci ferma neanche la pioggia e in un mondo o nell'altro riusciamo sempre a passare una bella giornata insieme; ma il pic-nic e la gita fuori porta il giorno dopo Pasqua non è solo una tradizione della mia cerchia di amici; è una consuetudine di molti, è il rito di passaggio dall'inverno alla primavera e come ogni rito va celebrato e rispettato.

Ogni regione d'italia ha il suo tipico cestino da pic-nic e i suoi piatti della tradizione ma ce né uno che accomuna un po' tutti: la torta Pasqualina preparata con tante uova, spinaci e ricotta fresca; ottima da mangiare fredda e da condividere con gli amici seduti per terra su una tovaglia a quadretti rossa tra fiori di campo e tante risate.


Ingredienti

2 rotoli di pasta sfoglia già pronta
1kg di spinaci freschi
500g di ricotta
8 uova
grana padano q.b.
noce moscata q.b.
sale
pepe
olio EVO
1 spicchio d'aglio

In una padella fa soffriggere l'aglio in camicia in 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva e cuocere gli spinaci precedentemente lavati per qualche minuti, salare e pepare. Una volta che gli spinaci si saranno intiepiditi, strizzarli per togliere l'acqua in eccesso e tagliarli al coltello. In una ciotola aggiungere agli spinaci due uova e del grana padano.

In un'altra ciotola lavorare la ricotta con due uova, sale pepe e noce moscata, aggiungere del grana padano a piacere e mescolare bene con una frusta in modo che il composto risulti cremoso e senza grumi.

Stendere il primo rotolo di pasta sfoglia su una tortiera a cerniera utilizzando la cartaforno in dotazione e versare sul fondo gli spinaci e successivamente il composto di ricotta. Con il dorso del cucchiaio praticare 4 conche nel composto e adagiarvi dentro il tuorlo dell'uovo facendo attenzione a non romperli. In questo modo ogni fetta avrà un suo tuorlo d'uovo; mettette nella vostra torta Pasqualina tante uova quante fette prevedete di tagliare.

Cospargere la superficie con abbondante grana padano e ricoprite con l'altro rotolo di pasta sfoglia facendo aderire bene i bordi e ripiegandoli verso l'interno. Spennellare con dell'olio extravergine la superficie della torta e infornare a 180° (forno statico) per 45-50 minuti.

Lasciare intiepidire la torta prima di toglierla dalla tortiera e servire una fetta ad ogni amico. La torta Pasqualina è ottima da mangiare anche il giorno dopo e buon pic-nic di Pasquetta.

PH Love.Life.Lunch. 2017 tutti i diritti riservati



MDW: l'eleganza contemporanea di Have a Good Tie

Posted on aprile 05, 2017


Si chiama Have a Good Tie ed è una start up nata dall’incontro di quattro professionisti del mondo del design e della finanza: Alessandro Stabile, uno dei 10 “Top Young Italian Industrial Designers”; Dario Gaudio, designer e product manager e Fabrizia  Parisi, fotografa. Consapevoli del fatto che la cravatta è generalmente vissuta come accessorio formale legato all’abbigliamento elegante da uomo, hanno condiviso l’idea di reinventarla.  

Si ma come? Uscendo dagli schemi rigidi e dai dettami della costruzione della stessa, eliminando la fodera, utilizzando un unico pezzo di tessuto e ripiegandola come un origami, definendo nuovi parametri e dimensioni, personalizzando packaging ed etichette, trasformandola in un oggetto divertente da regalare e da indossare con lo stesso spirito: “HAVE A GOOD TIME” and “HAVE A GOOD TIE”



Io ho un marito (il famoso dottore ndr) che per lavoro deve sempre mantenere un abbigliamento formale e l'unico accessorio con cui può variare il suo look da ufficio, giocando e sdrammatizzando questa su "uniforme" è proprio la cravatta; ne possiede davvero molto tanto che si è fatto costruire nell'armadio uno scompartimento su misura solo per loro.

Anche io conosco molto bene questo accessorio e mi lega alla cravatta un ricordo che, con il senno di poi, è diventato la barzelletta da raccontare per far ridere amici e parenti. Appena sposati, ignara del fatto che che il presente accessorio non ha un bel rapporto con l'acqua, ho provato a smacchiare un piccolo puntino di sugo mettendo l'intera cravatta a bagno. Risultato: cravatta da buttare e dottore sul piede di guerra (sono convinta che prima o poi me la farà pagare cara).

Per questo motivo quando ho scoperto che per realizzare le cravatte Have a Good Tie viene utilizzato un tessuto tecnico che la rende lavabile in lavatrice, me ne sono innamorata all'istante. Ma non solo, sono stati utilizzati tessuti presi in prestito dal mondo del design ed inediti per la moda creando giochi di tessuti e colori nuovi; per esempio tinta unita dove l’intreccio dei filati in lana crea una trama dall’effetto cangiante.



E poi c'è lui, il marchio, il Cravattato Italiano (mai nome fu più azzeccato), un  colombo di origine emiliana dal carattere vivace, ottimo volatore e molto elegante. Da questo riferimento nasce il logo: un ibrido tra il colombo e una cravatta svolazzante.

La prima limited edition delle cravatte Have A Good Tie saranno in vendita a Milano durante il Salone del Mobile (3-9 aprile 2017) nel Temporary Store di via Palermo 18, nel Brera Design District. Ad aspettare curiosi e appassionati del made in Italy, dell'eleganza mai banale e della ricercatezza, 200 cravatte numerate. In più non perdetevi la "Special Night” di domani, venerdì 7 aprile, dalle ore 18:00 alle ore 20:00 un aperitivo e tanti amici per scoprire in anteprima questo nuovo brand; al party ci sarò anche io accompagnata dal dottore e allora correte se volete trovare ancora qualche cravatta!


PH Love.Life.Lunch. 2017 tutti i diritti riservati

MDW: apre a Milano il primo children innovation lab sull'arte

Posted on aprile 04, 2017

Si chiama Baby Caring Mantegazza ed è il primo children innovation lab dedicato all'arte. Io, si sa, non ho figli ma non per questo quando trovo un progetto interessante non ve ne devo parlare; se poi questo progetto vuole insegnare ai bambini l'arte e la bellezza in tutte le sue forme, allora amiche con pargoli all'ascolto dovete andare a farci un giro.
Chi semina idee, raccoglie certezze. Questa la filosofia alla base di Baby Caring di Via San Calocero, 16 - Milano, asilo nido bilingue e insieme centro di esperienza ludica che accoglie i bambini dagli 1 ai 12 anni oltre che con la tradizionale formula di frequenza annuale, anche con una formula personalizzata e flessibile “a tempo” per una perfetta conciliazione dei tempi/lavoro delle famiglie e delle donne in particolare.


Baby Caring propone un percorso di educazione all’arte e alla bellezza che inizia sin dai primi anni di vita, come momento essenziale per lo sviluppo del bambino, della propria personalità e delle proprie attitudini, perché possa riconoscersi come “cosa bella” e sviluppare capacità relazionali proprie. Educazione che avviene attraverso la partecipazione quotidiana alle opere d’arte esposte in forma di galleria all’interno della struttura, ma anche attraverso laboratori ideati e curati da artisti di fama internazionale con l’obiettivo di educare all’arte per creare arte. 


Se la cosa vi incuriosisce i laboratori partecipati firmati da artisti di fama internazionale saranno per la prima volta aperti anche al pubblico in occasione del Salone del Mobile – dal 4 al 9 aprile 2017. 

Il laboratorio Micro-Memory curato dall’artista armena Liana Ghukasyan dove i bambini saranno stimolati a ideare immagini a tema su una carta creata in laboratorio. A partire dalle ore 16.30, i più piccoli saranno guidati dall’artista nelle tecniche di base della formazione del foglio a telaio e potranno sperimentare i diversi impasti di polpa di carta a cui saranno aggiunti terre, vegetali, polveri minerali. Le carte così create si arricchiranno della composizione di immagini e colori dando vita a veri e propri libri d’artista firmati dai bambini. 

Ad attendere i più piccoli durante le giornate del Salone del Mobile ci sarà anche Ursus, l’installazione permanente del grande orso delle caverne creato dall’artista architetto italo-svedese Duilio Forte, che accoglierà i piccoli ospiti in una grande e gioiosa esperienza nel suo essere gioco, castello, rifugio, simbolo di solidità e protezione.